Francesco Cocchiara

Francesco Cocchiara (Palermo XIX-XX secolo)

Lo scultore Francesco Cocchiara resta ancora una figura poco studiata. Non si conoscono né la data di nascita né di morte, ma si sa solo che risiedeva a Palermo, come lo indica lui stesso in un monumento realizzato a Ribera.

Il suo nome viene menzionato dalla rivista Carmen, portavoce dell’omonimo circolo culturale che nel marzo 1888 ha organizzato a Palermo un’esposizione di Belle Arti, alla quale hanno anche partecipato gli scultori Mario Rutelli ed Ettore Ximenes [1]. Cocchiara non ha esposto alla Promotrice di Palermo del maggio 1890, né all’Esposizione Nazionale del 1890-91, ma negli anni precedenti ha presentato un Pirata e un Arabo [2].

A Palermo ha firmato il monumento al pittore Salvatore Lo Forte nella Villa Bonanno e il busto del patriota e medico Enrico Albanese nella villa Garibaldi di Piazza Marina. Nel vestibolo dello scalone d’accesso all’aula magna della Facoltà di Giurisprudenza, ha realizzato una lapide in memoria di Nicolò Garzilli, mentre per la famiglia Florio ha scolpito il busto di Vincenzo Florio jr (oggi ubicato nella Villa dei Quattro Pizzi). Ha firmato inoltre i busti di due sindaci di Palermo, Girolamo di Martino e Giulio Benso, Duca della Verdura, che si trovano nelle sale di rappresentanza del palazzo di Città.

Sull’isola di Favignana ha firmato la statua di Ignazio Florio (1896) posta davanti al municipio e tre busti collocati nel primo cortile dell’ex-stabilimento Florio: il busto in marmo di Gaetano Caruso (1908), amministratore dei Florio sull’isola delle Egadi, su un piedistallo firmato dall’architetto Filippo La Porta, e i busti in rame di Vincenzo e Ignazio Florio, posti su un basamento e inseriti ciascuno in due grandi nicchie simmetriche, in asse con l’ingresso principale.

Busto di Gaetano Caruso, firmato F. Cocchiara, su un piedistallo dell’arch. Filippo La Porta
Busto di Vincenzo Florio, firmato F. Cocchiara
Busto di Ignazio Florio, firmato F. Cocchiara

Troviamo varie opere sue nei cimiteri del capoluogo, a conferma del fatto che era apprezzato dalla borghesia palermitana. Nel cimitero di Santa Maria dei Rotoli si possono ancora ammirare il busto di Domenico Viola (con piedistallo di Antonio Zanca), il monumento a Vittoriano Lentini, il busto di A. Bonica (con piedistallo firmato da V. Arcara); nel cimitero dei Cappuccini il busto di Placido Mancuso; nel cimitero di Sant’Orsola il medaglione con il profilo di Joséphine Grossetti all’interno della cappella Grossetti-Ducrot-Durand, la scultura in altorilievo “Supremum vale” della cappella per Ignazio Mirto, il busto di Vincenzo Marcellino, il monumento a Domenico Pandolfo; nel cimitero di Santa Maria di Gesù il busto di Angelo Trapani e il monumento a Girolamo Ardizzone.

Opere commemorative di Cocchiara si trovano anche in altri cimiteri siciliani: a Piazza Armerina firma il busto di Calogero Cascino (1904), a Sciacca quello di A. Tagliavia, marchese di San Giacomo, a Ribera i busti di F. Parlapiano, di G. D’Angelo et di B. Tavormina. Nella chiesa del Carmine a Sambuca, Francesco Cocchiara ha firmato il monumento per il barone C. Oddo con una figura allegorica della Fede.

[1] Eugenio Rizzo, Maria Cristina Sirchia, Scultori Siciliani. XIX e XX secolo, Dario Flaccovio Editore, Palermo 2009, ad vocem

[2] F. Colnago Muzio, I Corrieri delle Arti, in Lettere e Arti, 24 maggio 1890, p. 295

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: